Economia e lavoro

Casinò, il piano e il Dl di finanziamento alla prova dell’aula

Aosta - Questa mattina il Presidente e l'Assessore Chatrian sono tornati a incontrare i sindacati.

Casinò di Saint-Vincent

E' tutt'altro che scontato l'esito del voto in Consiglio regionale sul piano e sul Dl di finanziamento della Casa da gioco di Saint-Vincent.  I due provvedimenti arriveranno domani, al più tardi mercoledì, all'esame dell'aula, sotto lo sguardo attento dei lavoratori del Casinò, chiamati a raccolta dai sindacati per "far sentire la propria voce affinché tutti si assumano le proprie responsabilità".

Questa mattina il Presidente e l'Assessore Chatrian sono tornati a incontrare i sindacati, ufficialmente per "un confronto finale  – spiega il Presidente Marquis –  a seguito dell'iter in commissione e preliminare alla discussione in Consiglio". "Si sono espresse le reciproche posizioni – aggiunge Marquis –  abbiamo tutti preso atto della complessità della situazione che stiamo affrontando, della sua delicatezza e abbiamo espresso l'esigenza di poter arrivare all'approvazione del piano industriale per poter attivare le interlocuzioni con i sindacati, per definire nei dettagli le parti attuative del piano industriale. C'è margine e spazio per trovare soluzioni a un problema che per noi è fondamentale".

Durante il faccia a faccia il Presidente e l'Assessore hanno ribadito che la procedura di licenziamento collettivo non sarà ritirata perché è al momento l'unica garanzia con le banche. Ma proprio sulla 223 sembra che in queste ore maggioranza e minoranza siano tornate a parlarsi e non è escluso che possa arrivare in aula, magari sotto forma di risoluzione, la richiesta di ritiro. D'altronde a mettere le mani avanti, confermando come "il confronto sia aperto" in maggioranza sul tema Casinò è lo stesso Presidente Marquis. 

"La maggioranza è composta da 18 persone, ci auguriamo che aldilà della maggioranza, prevalga da parte di tutti il senso di responsabilità – auspica Marquis –  perché è un tema con dei grandi riflessi sull'azienda. Il dibattito deve essere fatto con grande attenzione e lasciando da parte le reciproche posizione politiche, bisogna guardare alla sostanza".

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>