Economia e lavoro

All’Univda due giornate dedicate al linguaggio del turismo

Aosta - Si parlerà si scrittura turistica ovvero quella trasformazione dell’esperienza di viaggio, reale o virtuale, che contribuisce alla creazione dell’immaginario turistico sui luoghi e sui beni culturali.

La sede dell'Univda

Scritture e linguaggi del turismo” è il titolo del convegno organizzato nelle giornate di giovedì 10 e venerdì 11 novembre prossimi, dal Dipartimento di Scienze Umane dell’Università della Valle d’Aosta, e dedicato alla scrittura turistica ovvero quella trasformazione dell’esperienza di viaggio, reale o virtuale, che contribuisce alla creazione dell’immaginario turistico sui luoghi e sui beni culturali.

Come si costruisce e interpreta un testo turistico (inteso in senso ampio: dalla guida turistica al paesaggio alpino), come si stabilizzano i repertori lessicali e figurativi che descrivono gli elementi di interesse di una destinazione, fino a consolidarne una certa immagine? Come si costruisce e comunica il ‘senso’ di un luogo e dei suoi spazi socio-culturali? Quali sono i contenuti culturali presenti alla mente e alla memoria del turista che di quel luogo è osservatore, fruitore e, oggi sempre più spesso, ‘narratore’? Queste ed altre domande saranno al centro delle due giornate di studio

Oltre a docenti dell’Ateneo, interverranno, tra gli altri, Isabella Pezzini (Roma), Marcella Costa (Torino), Dorit Kluge (Berlino), Ute Lemke (Chambéry).
L'iniziativa  ha ricevuto il patrocinio del Touring Club Italiano, dell'Associazione dei Geografi Italiani e dell'Associazione Italiana Insegnanti di Geografia – sezione VdA. La partecipazione è libera e aperta a tutti.

Ho 44 anni e sono giornalista professionista. Nonostante la laurea in Scienze della Comunicazione, ho trovato lavoro fondando, insieme ad altri, questo quotidiano online. Grazie alla mia proverbiale saggezza in redazione mi chiamano “mental coach”, mentre per gli amici sono “la nonna”. Nel tempo libero mi piace leggere, viaggiare, camminare e stare con gli amici.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>