Cronaca

Si avventurano sul Cervino con il maltempo: impossibile volare, soccorritori in partenza a piedi

Valtournenche - Una coppia di alpinisti stranieri ha intrapreso la discesa dalla capanna Carrel stamane. La donna si è fratturata una gamba ed è ferma nella zona del Colle del Leone. Lui ha continuato a scendere e si trova alla Croce Carrel.

Il Soccorso alpino valdostano al lavoro

Si sono avventurati sul Cervino in coppia, stamane di buon’ora, malgrado la meteo (ampiamente prevista) lo sconsigliasse. Durante la discesa della via dalla capanna Carrel, nella zona del Colle del Leone, a quota 3.600 metri, lei si è fratturata una gamba, probabilmente cadendo. 

Il compagno (i due sono di nazionalità polacca) ha quindi inaspettatamente proseguito la marcia, lasciando la donna sul posto, ed ha poi dato l’allarme. Ai soccorritori ha riferito di trovarsi alla Croce Carrel, a 2.900 metri, a monte del rifugio “Oriondè”, ma non è stato in grado di fornire indicazioni precise per localizzare l’alpinista infortunata.

Nuvole, vento e pioggia rendono impensabile decollare in elicottero dall'aeroporto di Saint-Christophe. Si sta quindi organizzando una squadra di terra, composta da guide del Soccorso Alpino Valdostano e della Guardia di Finanza, nonché da un medico. 

I soccorritori raggiungeranno il rifugio “Oriondè” a bordo di mezzi della stazione di Antey del Corpo Forestale della Valle d’Aosta e delle Fiamme Gialle. Da lì, inizieranno una salita non priva di rischi verso il luogo ove la donna risulta ferma. L'ennesimo episodio destinato a far discutere, nell'estate in cui l'educazione alla montagna rappresenta un tema che si è posto in più occasioni.

La cronaca non dorme mai. Cerco di tenerlo a mente e l’insonnia atavica è preziosa alleata. 45 anni, a lungo addetto stampa di enti ed istituzioni, quando non sono in Tribunale o Procura inseguo la sufficienza come papà, marito e radioamatore. Per il resto, fotografia (meglio se velivoli), sport americani e una sola certezza: il mondo va oltre Pont-Saint-Martin.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>