Cronaca
Ultima modifica: 20 Giugno 2018 alle ore 2:09

Ribaltone, tutto da rifare. Arrivati da Roma i decreti di sospensione dei 4 consiglieri condannati

Aosta -A darne notizia è stato il prefetto e presidente della Regione. I decreti verranno ora notificati al Presidente del Consiglio. 

Augusto Rollandin

Le poste questa volta hanno funzionato e in tempi record – solo 21 giorni – sono arrivati in Valle d'Aosta i decreti del Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, di sospensione dei quattro consiglieri condannati nel processo di secondo grado sui costi della politica: Marco Viérin di Stella Alpina, Raimondo Donzel e Carmela Fontana del Pd, per peculato e Leonardo La Torre di Pnv, per indebita percezione di erogazioni a danno della Stato A darne notizia è stato il prefetto e presidente della Regione, Augusto Rollandin nel corso di una conferenza stampa iniziata denunciando "una delle più brutte pagine che ha vissuto il Consiglio regionale, dove è stato calpestato qualsiasi buon senso e prudenza". 

Il colpo di scena è stato riservato alla fine della conferenza e affidato, manco a dirlo, ad Augusto Rollandin, il Presidente a cui la mozione di sfiducia costruttiva era riservata. "Sono appena arrivati i decreti per la Valle d'Aosta – ha detto in un clima di suspense Rollandin – che puntualmente si soffermano sulla questione". Ovvero la sospensione fa data dal giorno della sentenza, il 14 febbraio scorso, ed è quindi retroattiva, come aveva sostenuto già venerdì il Presidente. "Che potessero arrivare i decreti lo sapevano anche loro" ha poi scandito Rollandin "che potessero avere qualche problema di numeri questa giunta "Poltrone e Sofà" credo lo capivano anche loro, ma malgrado questo non si è voluto prendere un po' di tempo per fare gli approfondimenti necessari".  I decreti verrano ora notificati da parte della Prefettura alla Presidenza del Consiglio regionale domani mattina. "Questi potevano portare a dei danni gravissimi" aggiunge il Presidente. Si rischiava di "gettare le istituzioni nel baratro" l'immagine dipinta dal vicepresidente Aurelio Marguerettaz in apertura della conferenza stampa. 

Nel mirino di Uv, Pd e Sapa finisce il Presidente dell'Assemblea regionale, Andrea Rosset, con qualche consigliere nelle retrovie che ne chiede già le dimissioni. Jean-Pierre Guichardaz parla di "forzatura, una gravissima lesione del regolamento". André Lanièce dice: "Questa ipotetica nuova giunta, trasparente, che vuole applicare un nuovo metodo, ci ha negato la richiesta di approfondire un parere" e Aurelio Marguerettaz: "si è convocato in fretta e furia un consiglio regionale fondando tale decisione su un semplice parere fatto internamente, da persone non particolarmente specializzate".

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>