Cronaca

Resta in carcere l’uomo che ha incendiato l’abitazione a Sarre in cui era ai domiciliari

Aosta - Sabri Sowes, 64 anni, è stato arrestato dalla Polizia per incendio doloso. Il Gip Davide Paladino ha convalidato il fermo, mantenendo la carcerazione a suo carico. Era ai domiciliari per aver violato il divieto di avvicinamento all'ex moglie.

Carcere Brissogne

Resta in carcere Sabri Sowes, il commerciante di 64 anni arrestato domenica per aver incendiato deliberatamente l’abitazione, a Sarre, in cui era ai domiciliari. Lo ha deciso il Giudice per le Indagini Preliminari, Davide Paladino, dopo aver convalidato il fermo eseguito dalla Polizia.  

L’allarme, nel villaggio di Rovine, era scattato poco dopo le 11 di domenica scorsa. Una vicina, notato del fumo uscire dalla casa, aveva avvisato i Vigili del fuoco. La squadra, una volta dento l’alloggio, aveva notato la natura dolosa del rogo, causato appiccando il fuoco a dei copertoni di autovettura, ammassati sul pavimento.

Sul posto era giunta anche la “Volante”, che aveva preso in custodia Sowes. Una volta in Questura, l’uomo ha spiegato agli agenti di aver agito in preda all’esasperazione per una vicenda giudiziaria tale da averlo esasperato. Per il sessantaquattrenne erano quindi scattati l’arresto – con la contestazione di incendio doloso con aggravanti, vista la potenziale pericolosità del gesto soprattutto nei confronti dei vicini – e la traduzione nel carcere di Brissogne.

Martedì, l’udienza dinanzi al Gip e, ieri, la decisione del magistrato. Sowes, lo scorso maggio, era stato condannato ad un anno e mezzo di reclusione per “stalking” nei confronti dell’ex moglie. All’indomani di quella sentenza, era rimasto a suo carico il divieto di avvicinarsi alla donna. La Polizia ne aveva riscontrato, in agosto, la violazione e gli aveva quindi applicato la misura degli arresti domiciliari, nell’abitazione a Rovine di Sarre. Ora Sowes andrà incontro a un nuovo processo per i fatti di domenica.

La cronaca non dorme mai. Cerco di tenerlo a mente e l’insonnia atavica è preziosa alleata. 45 anni, a lungo addetto stampa di enti ed istituzioni, quando non sono in Tribunale o Procura inseguo la sufficienza come papà, marito e radioamatore. Per il resto, fotografia (meglio se velivoli), sport americani e una sola certezza: il mondo va oltre Pont-Saint-Martin.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>