Cronaca
Ultima modifica: 20 settembre 2018 alle ore 15:00

Recuperato senza vita uno dei tre alpinisti piemontesi dispersi sul Monte Bianco

Aosta - Si tratta di Luca Lombardini, 31 anni. Non sono ancora stati avvistati i suoi compagni di escursione, ma la corda sul corpo ritrovato conduce alla crepacciata terminale del monte, zona pericolosa in cui si susseguono i crolli di materiale.

Luca Lombardini

Le speranze rimaste ai familiari ed amici si sono spente definitivamente oggi, venerdì 10 agosto. Il corpo di Luca Lombardini (31 anni), uno dei tre alpinisti piemontesi dispersi da martedì 7 sul versante francese del Monte Bianco, è stato ritrovato senza vita. Lo hanno recuperato, vericellandolo sull’elicottero, nella crepacciata terminale della Petite Aiguille Verte (3.512 metri), lungo la destra orografica, sul versante dell'Aiguille d'Argentière, gli uomini del Peloton de Gendarmerie de Haute Montagne con due militari del Soccorso Alpino della Guardia di finanza.

Degli altri due dispersi, la fidanzata di Luca, Elisa Berton (27 anni) e suo fratello Alessandro (28), finanziere del Sagf di Bardonecchia, continuano a non esserci notizie, ma il sentore è che sia toccato loro analogo destino. La corda che legava il corpo individuato finisce nella crepacciata terminale del monte, zona nella quale – a quanto si apprende – continua a cadere del materiale, rendendo pericoloso per i soccorritori anche solo avvicinarsi.

La zona è stata circoscritta grazie all'individuazione di un segnale gps trasmesso da un dispositivo elettronico dei tre alpinisti. La salma di Luca Lombardini è stata trasportata nella camera mortuaria di Chamonix. Le operazioni di recupero al momento sono sospese.

La cronaca non dorme mai. Cerco di tenerlo a mente e l’insonnia atavica è preziosa alleata. 45 anni, a lungo addetto stampa di enti ed istituzioni, quando non sono in Tribunale o Procura inseguo la sufficienza come papà, marito e radioamatore. Per il resto, fotografia (meglio se velivoli), sport americani e una sola certezza: il mondo va oltre Pont-Saint-Martin.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>