Cronaca

Ragazza di 19 anni morta in un incidente tra un van e un autobus. Autostrada chiusa per “gelicidio”

Aosta -Lo scontro è avvenuto, negli ultimi minuti del 2017, sulla corsia che sale verso Aosta, all’altezza di Chambave. La giovane era a bordo del van, così come altri sei feriti portati al “Parini”. Nessuno dei passeggeri del bus ha avuto bisogno di cure.

Una ragazza di diciannove anni, residente nel milanese, ha perso la vita in un’incidente verificatosi negli ultimi minuti del 2017, sull’autostrada Torino-Aosta/A5. Il sinistro, avvenuto sulla corsia che sale verso il capoluogo regionale, all’altezza di Chambave, ha coinvolto un minibus da nove posti ed un pullman da cinquantaquattro, che si sono scontrati per ragioni in via di accertamento. Immediato l’intervento delle ambulanze del 118, dei Vigili del fuoco e della Polstrada.

Oltre alla giovane per cui non c’è stato più nulla da fare, che viaggiava a bordo del van, in ospedale sono arrivati sei feriti dallo stesso mezzo: quattro maschi di 17 anni e due femmine di 19, tutti residenti nella cintura di Milano. Il conducente del minibus non ha avuto bisogno di interventi sanitari, così come nessuno dei passeggeri del pullman. La Protezione civile sta procedendo all’assistenza sanitaria, logistica e psicologica delle persone coinvolte. 

Non si può escludere, per quanto sulla dinamica dell'impatto sia al lavoro la Polstrada, che sull’incidente abbiano inciso le condizioni del fondo stradale. L’autostrada A5, a quanto si legge sul sito della SAV, è al momento chiusa “causa gelicidio” in entrambe le direzioni di marcia, tra le uscite di Chatillon/Saint-Vincent e quella di Aosta-ovest. Poco prima di quello accaduto all’altezza di Chambave, un altro incidente si era inoltre verificato, senza tuttavia particolari conseguenze, nel tratto autostradale di Saint-Vincent.

La cronaca non dorme mai. Cerco di tenerlo a mente e l’insonnia atavica è preziosa alleata. 45 anni, a lungo addetto stampa di enti ed istituzioni, quando non sono in Tribunale o Procura inseguo la sufficienza come papà, marito e radioamatore. Per il resto, fotografia (meglio se velivoli), sport americani e una sola certezza: il mondo va oltre Pont-Saint-Martin.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>