Cronaca

La temperatura del frigo è troppo alta e la carne sanguina: maxi-multa per un autista di tir

Aosta -Sanzioni per oltre 3.500 euro sono state elevate dalla Polstrada ad un 51enne belga, in ingresso in Italia con un autoarticolato al tunnel del Monte Bianco. Il trasporto avveniva a quasi 20 gradi più del dovuto. Sigillato il carico per la distruzione.

I nuovi uffici della Stradale, sul piazzale italiano del Traforo.

Una scena degna di una pellicola firmata Quentin Tarantino, quella presentatasi negli scorsi giorni agli agenti della Polstrada in servizio al tunnel del Monte Bianco. Un tir in ingresso in Italia perde sangue dal portellone posteriore in modo evidente. I poliziotti comprensibilmente si allarmano e lo fermano, chiedendo all’autista, un 51enne belga, di poter verificare la cella frigo.

Una volta aperto il camion, la sequenza “splatter” per fortuna non vira sulle atmosfere più trucide di "Le Iene": gli uomini della sottosezione di Courmayeur si trovano davanti agli occhi un carico di carne fresca macellata, prevalentemente delle mezzene di agnello. Gli resta da capire il perché di quel sangue, ma la risposta arriva al termine dei controlli, in cui viene coinvolto anche il personale del Servizio igiene alimenti di origine animale dell’Usl della Valle d’Aosta.

Le norme prescrivono, per un trasporto del genere, una temperatura di -18 °C, mentre sull’autoarticolato vengono accertati +1,6 °C, quasi venti gradi più del dovuto. L’intero carico viene quindi posto sotto sigillo, per essere distrutto una volta giunto a destinazione. All’autista sono state contestate anche violazioni alle norme sui tempi di guida, con la sanzione complessiva che ha superato i 3.500 euro.

La cronaca non dorme mai. Cerco di tenerlo a mente e l’insonnia atavica è preziosa alleata. 45 anni, a lungo addetto stampa di enti ed istituzioni, quando non sono in Tribunale o Procura inseguo la sufficienza come papà, marito e radioamatore. Per il resto, fotografia (meglio se velivoli), sport americani e una sola certezza: il mondo va oltre Pont-Saint-Martin.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>