Cronaca

Guida ubriaco e senza casco, scappa all’“alt” degli agenti, poi li aggredisce: denunciato un 36enne

Aosta - I fatti, ad Aosta, nella notte di domenica 22 ottobre. I reati contestati all’uomo, un pluripregiudicato, sono resistenza, violenza, minaccia a Pubblico ufficiale e guida sotto l’effetto di alcolici. La Polizia valuta inoltre una misura di prevenzione.

Lo vedono alla guida di un ciclomotore senza casco e gli intimano l’alt. Lui non solo non si ferma, ma si fa inseguire attraverso buona parte della città. Quindi, perde il controllo del mezzo e cade a terra. A quel punto, l’equipaggio della Volante della Polizia che aveva tentato di fermarlo lo soccorre e lui, in tutta risposta, prima inveisce contro gli agenti, poi li aggredisce, per sottrarsi al controllo.

Protagonista dell’incredibile sequenza da videogioco in stile "GTA", un pluripregiudicato 36enne, residente ad Aosta, dove i fatti si sono svolti, nella notte di domenica 22 ottobre. L’uomo è stato denunciato per resistenza, violenza e minaccia a Pubblico ufficiale. Non è tutto, perché una volta finita la corsa tra le vie cittadine, i poliziotti hanno anche accertato che conduceva il mezzo in stato di ebbrezza e il ciclomotore era senza copertura assicurativa.

Alla segnalazione all’autorità giudiziaria si aggiunge quindi la guida sotto l’effetto di alcolici. Inoltre, la posizione dell’uomo, che presenta precedenti specifici per reati contro la persona, in materia di stupefacenti e per aver condotto ubriaco, è al vaglio della Divisione Polizia Anticrimine della Questura per una misura di prevenzione. Rischia provvedimenti che vanno dall’avviso orale del Questore alla sorveglianza speciale.

La cronaca non dorme mai. Cerco di tenerlo a mente e l’insonnia atavica è preziosa alleata. 45 anni, a lungo addetto stampa di enti ed istituzioni, quando non sono in Tribunale o Procura inseguo la sufficienza come papà, marito e radioamatore. Per il resto, fotografia (meglio se velivoli), sport americani e una sola certezza: il mondo va oltre Pont-Saint-Martin.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>