Cronaca
Ultima modifica: 20 giugno 2018 alle ore 4:16

Giornata di valanghe ai piedi del Grand Combin: altri distacchi a Bionaz, Ollomont e Valpelline

Aosta - Ad Oyace, la strada regionale è stata al momento riaperta, con guardiania, ma verrà richiusa per la notte. Nel frattempo, slavine a Bionaz, con la chiusura di due arterie comunali, Ollomont e Valpelline.

Il fronte staccatosi a Chez Chenoux di Bionaz (foto da Facebook - Maurizio Lanivi).

Giornata di valanghe nella Valpelline. Ad Oyace, interessata dal crollo di una massa nevosa stamattina, la strada regionale n. 28 è stata riaperta al traffico in entrambi i sensi di marcia, ma con guardiania, di cui sono incaricati i Vigili del fuoco volontari. “A seguito del sopralluogo in elicottero compiuto poc’anzi, – spiega il sindaco Remo Domaine – abbiamo tuttavia già deciso di chiuderla nuovamente da stasera a domattina”.

“La situazione – aggiunge – è tale per cui non c’è da rischiare. Non bisogna allarmare nessuno, ma i residenti, tutte persone che abitano qui e conoscono i posti, sono invitati a muoversi solo se serve”. A conferma di un contesto da non sottovalutare, nelle ultime ore si sono registrati altri distacchi in tre comuni della zona, tutti fortunatamente senza il coinvolgimento di persone.

A Bionaz, la valanga è caduta in località Chez Chenoux, non lontano da un gruppo di case ed “inghiottendo” un tratto di strada. "E' una zona dove storicamente scarica – dice il sindaco, Armando Chentre – ed era oggetto di monitoraggio già da ieri sera. In prospettiva, avevo invitato un residente a dormire altrove, da parenti". La caduta ha portato alla chiusura di due strade comunali, una porta alla diga di Place Moulin e l'altra è quella, appunto, a servizio della zona in cui si è verificato il distacco. E' imminente comunque, spiega il Sindaco, l'intervento delle ditte per sgomberare e riaprire. 

Oltre all'area interessata dalla valanga, però, a Bionaz ci sono altri fronti sorvegliati con attenzione, per il rischio di distacchi. Nella zona di Dzovennoz/Moulin, sulla strada è stata attivata la guardiania e sono state evacuate due famiglie, che stanotte verranno ospitate in un albergo. Dalle ore 20 di oggi, lunedì 22 gennaio, scatteranno poi chiusure precauzionali al traffico, della strada regionale e della viabilità verso Ru e Ley. 

A Ollomont, un fronte importante di massa nevosa si è staccato dal Monte Rotondo, in frazione Vaud, ma si è fermato tra i prati, senza interessare case, né arrivare alla strada. Lo stesso è accaduto a Valpelline, con una slavina che ha finito la sua corsa nella radura a Vesey.

La cronaca non dorme mai. Cerco di tenerlo a mente e l’insonnia atavica è preziosa alleata. 45 anni, a lungo addetto stampa di enti ed istituzioni, quando non sono in Tribunale o Procura inseguo la sufficienza come papà, marito e radioamatore. Per il resto, fotografia (meglio se velivoli), sport americani e una sola certezza: il mondo va oltre Pont-Saint-Martin.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>