Cronaca
Ultima modifica: 20 Giugno 2018 alle ore 1:16

Désarpa funestata a Gressoney-Saint-Jean: auto investe mandria, morto un allevatore

Gressoney-Saint-Jean -Si tratta di Angelo Nicco, 63enne allevatore di Pont-Saint-Martin. L’incidente si è verificato stamane, verso le 7.30, nella zona del piazzale Weissmatten. Il mezzo procedeva nella stessa direzione della mandria ed ha colpito la coda del corteo.

Angelo Nicco

La désarpa in corso nella Valle del Lys è stata funestata da un tragico incidente. Attorno alle 7.30 di oggi, sabato 15 ottobre, una mandria è stata investita alle spalle da un’auto che procedeva nella stessa direzione, scendendo verso valle.

Nel violento impatto, avvenuto poco dopo aver superato il piazzale Weissmatten, nel comune di Gressoney-Saint-Jean, ha perso la vita uno degli allevatori che accudivano gli animali nella discesa, Angelo Nicco 63enne di Pont-Saint-Martin.

Nonostante il rapido intervento del 118, giunto sul luogo in elicottero, i soccorritori non hanno potuto fare altro che constatare la morte dell’uomo, la cui salma è stata trasportata nella camera mortuaria del paese.

Sulla dinamica dell’accaduto sono al lavoro i Carabinieri, che stanno acquisendo le testimonianze utili alla ricostruzione del sinistro, nel quale oltre all’allevatore è rimasta uccisa anche una bovina.

La cronaca non dorme mai. Cerco di tenerlo a mente e l’insonnia atavica è preziosa alleata. 45 anni, a lungo addetto stampa di enti ed istituzioni, quando non sono in Tribunale o Procura inseguo la sufficienza come papà, marito e radioamatore. Per il resto, fotografia (meglio se velivoli), sport americani e una sola certezza: il mondo va oltre Pont-Saint-Martin.

2 commenti su “Désarpa funestata a Gressoney-Saint-Jean: auto investe mandria, morto un allevatore”

  • agnesod gino says:

    Angelo era allevatore di Donnas,Vert.l’autocarro non andava sicuramente piano,non puoi uccidere un uomo e una o due mucche se vai piano.Purtroppo c’e sempre quella fretta di fondo che uccide.

  • Solo un pazzo un ubriaco può essere responsabile di un fatto del genere. Non ci sono commenti validi a giustificare un fatto del genere

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>