Cronaca

Autostrada, il tar dà ragione a Rav sul mancato aumento del pedaggio

Aosta - Accolto il ricorso che chiedeva l'annullamento del Decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze del 30 dicembre 2016 che disponeva un aggiornamento tariffario per il 2017 dello 0,90%.

Dopo Sav anche Rav, la società che gestisce il tratto autostradale da Aosta Ovest a Courmayeur, esce nuovamente vincitrice dal ricorso al Tar contro i mancati aumenti dei pedaggi. 
Il tribunale amministrativo ha accolto oggi il ricorso che chiedeva l'annullamento del Decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze del 30 dicembre 2016 che disponeva un aggiornamento tariffario per il 2017 dello 0,90%.

I giudici ricordano come in precedenti giudizi erano stati annullati omologhi atti e che in quelle occasioni era stato ordinato ai Ministeri competenti di procedere entro 60 giorni all’approvazione del Piano economico finanziario o all’adozione di un atto definitivo in senso contrario. 

"La mancata ultimazione della procedura di applicazione del nuovo P.E.F.  – si legge nella sentenza – è imputabile esclusivamente al concedente".

Bocciata invece la richiesta ai giudici di Rav di procedere all'adeguamento annuale della tariffa di pedaggio, con condanna del Ministero a provvedere alla determinazione della percentuale di incremento tariffario dovuta al concessionario. 

 

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>