Cronaca

Abuso edilizio, condannato il Sindaco di Gressoney-Saint-Jean

Aosta -Luigi Chiavenuto è stato condannato a 10 giorni di arresto (pena sospesa) e 55.000 euro di ammenda. L'abuso edilizio riguardava una villa costruita in localita' Tschaval, a Gressoney-La-Trinite'.

Luigi Chiavenuto - Gressony-Saint-Jean

Per un abuso edilizio, relativo alla costruzione di una villa costruita in località Tschaval, a Gressoney-La-Trinité, Luigi Chiavenuto, di 55 anni, attuale sindaco del paese e all’epoca direttore dei lavori e architetto, è stato condannato a 10 giorni di arresto (pena sospesa) e 55.000 euro di ammenda. Stessa pena inflitta dal giudice Marco Tornatore anche a Davide Pernettaz, 42 anni, esecutore e impresario edile di Gressoney-Saint-Jean, e al committente Marco Rossetto di 51 anni di Torino.

Il pm Sara Pezzetto aveva chiesto per ciascuno una condanna a 45 giorni di arresto e 45.000 euro di ammenda. Sono state contestate, in particolare, la quota del pavimento dell’immobile – secondo gli accertamenti del comune di circa un metro piu’ alto rispetto a quanto previsto – e la lunghezza di un muro contenimento, esteso per circa 34 metri. Per quest’ultima struttura il giudice ha ordinato l’abbattimento della parte che eccede le dimensioni previste e per il pavimento ha disposto il ripristino della quota.

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>