Brevi, Politica

Riforma costituzionale, le prime reazioni al “Sì” dell’Uv

Aosta - Il Comitato del No e i consiglieri comunali di Aosta Etienne Andrione, Nicoletta Spelgatti e Andrea Manfrin intervengono sulla scelta di campo dell'Uv.

Il Presidente dell'Union Valdôtaine Ennio Pastoret

"Non siamo sorpresi. Ma riusciamo comunque a essere disgustati". Così in una nota i consiglieri comunali di Aosta Etienne Andrione, Nicoletta Spelgatti e Andrea Manfrin sull'invito Uv a votare "Sì".

"L’UV, al termine di un ormai pluridecennale processo di degenerazione, invita ormai a regalare la Valle d’Aosta a Renzi, alle burocrazie ministeriali, alla Roma del fisco e degli intrighi. Nessuno si lascia ingannare dalle risibili scuse addotte: questo è alto tradimento della Valle d’Aosta" scrivono i tre consiglieri comunali. 

A commentare la scelta di campo del Leone rampante è anche il Comitato del No. "L'Union valdôtaine sceglie di dire  sì ad una riforma centralista che toglie poteri ai cittadini e ai territori.   Lo fa contraddicendo quegli stessi valori autonomisti a cui dice di richiamarsi. La contraddizione è talmente evidente da averla portata a tergiversare fino all'ultimo, prendendo posizione solo a venti giorni dal voto" sottolineano i referenti del Comitato "A prevalere sono stati, alla fine, i miopi tatticismi della politica, che nulla hanno a che vedere con il bene della Valle d'Aosta"l

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>