Politca
Regione: via libera ai contributi volontari a chi, in difficoltà, è a tre anni dalla pensione
Aosta - I requisiti per l'accesso devono essere quelli di lavoratore al quale mancano tre anni massimi alla pensione, la cessazione di attività lavorativa, la mancanza di sostegni dall'Inps, l'Isee pari o inferiore a 12mila euro e la residenza in Valle.

Un provvedimento incrociato tra Assessorato alle Attività produttive e Assessorato al Bilancio. Da questo input la Giunta regionale ha stabilito stamattina di riconoscere il versamento di contributi volontari a favore di soggetti che si trovino in particolari situazioni di bisogno o difficoltà nei tre anni antecedenti il raggiungimento dei requisiti pensionistici.

Per aver diritto al riconoscimento i requisiti devono essere: lo status di lavoratore al quale manchino al massimo tre anni al raggiungimento del diritto alla pensione; essere in stato di cessazione dell’attività lavorativa; la non percezione di alcun intervento di sostegno al reddito da parte dell’Inps come le indennità di disoccupazione, di mobilità e di cassa integrazione guadagni; una dichiarazione Isee pari o inferiore a 12mila euro e la residenza in Valle d’Aosta.

La Giunta ha approvato inoltre il disciplinare tra la Regione e la Servizi Previdenziali Valle d’Aosta SpA. finalizzato a definire e disciplinare, per il periodo 2018 – 2020, gli interventi e le misure a sostegno della previdenza complementare ed integrativa e di iniziative di natura assistenziale, in particolare quelli  a favore dei soggetti che si trovino in particolari situazioni di bisogno o difficoltà, anche garantendo servizi amministrativi, contabili e logistici essenziali a costi ridotti.

Archiviato in: Media valle , Politica
1314
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche