Tradizione
Allegra di Marcello e Livio Bich vince il combat Espace Mont-Blanc
Aosta - La quinta edizione della "Champions league" delle mucche, alla Croix Noire di Aosta, è stata vinta dal bovino della famiglia di Valsavarenche, dopo una lunghissima finale a baraonda.

Nella lunghissima finale a baraonda, il metodo con cui si combatte nel Canton du Valais svizzero, non ha perso neanche uno scontro. Allegra, assieme ai proprietari Marcello Bich e il figlio Livio di Valsavarenche, si è aggiudicata la quinta edizione del combat Espace Mont-Blanc. La mucca, che combatteva con il numero 2, ha riportato il primato della competizione alla Valle d'Aosta, dopo che l'anno scorso a La Chable, in Svizzera, aveva vinto la savoiarda Tracy di Christophe Cloitre.

"Sapevo che era un mucca potente, perché aveva già avuto dei risultati – ha commentato Livio Bich – per cui di certo mi aspettavo di andare avanti, ma non di vincere". Allegra, quattro anni come tutte le mucche in questa competizione e oltre sei quintali di peso, aveva già prima ottenuto un secondo posto nei combattimenti dei manzi piccoli e poi, l'anno scorso, era diventata "Reina dei modzon".

Il metodo con cui si svolge questa competizione è ormai consolidato. Le eliminatorie hanno visto combattere sedici mucche per nazionalità: italiane, francesi e svizzere. Qui le mucche si scontrano con il classico confronto diretto delle Batailles des reine, fino ad arrivare a quattro finaliste per nazione.

Nella finale, in cui tutte le dodici mucche competono assieme nel recinto, le quattro francesi hanno quasi subito avuto la peggio, mentre tra le ultime sei a non essere state via via eliminate restavano tutte e quattro le valdostane. Oltre alla vincitrice, le tre valdostane erano Belle di Aurelio Cretier, arrivata alla fine sesta, Konkachila dei fratelli Tutel, quinta e Vertige di Gildo Bonin, classificatasi seconda a pari merito dopo uno scontro di quasi un'ora con Cervina, dello svizzero Jean Michel Quinodoz.

È stato proprio questo scontro tra Cervina e Vertige ad aver monopolizzato la finale. Entrambi i bovini avevano già combattuto a lungo nelle eliminatorie, con la mucca svizzera che nell'ultima fase si era lievemente ferita all'orecchio sinistro. Le due mucche non volevano saperne di mollare e ci è voluta la mediazione del presidente della Fédération d'élévage de la Race d'herens Alain Alter per far concordare gli allevatori sull'ex aequo.

Livio Bich ha sfilato perciò con la sua mucca Allegra, ornata del drappo rosso della vincitrice ed è stato premiato da una scultura in pietra realizzata dall'artigiano Davide Chabod.

Archiviato in: Media valle , Sport
680
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche