Arti marziali
Vittoria ai punti per Martine Michieletto in “Aspettando PetrosyanMania 2018”
Aosta - La campionessa di Donnas stava dominando l’incontro contro Irene Martens quando le due si sono scontrate procurandosi una ferita. Gara sospesa e vittoria ai punti per la valdostana. Sconfitta per Erika Vesan

Ennesima vittoria per Martine Michieletto, anche se questa volta ai punti dopo appena una ripresa. A Boffalora Sopra Ticino, nella nuova edizione di “Aspettando PetrosyanMania 2018”, la campionessa di Donnas ha avuto la meglio ai punti contro Irene Martens del Team Stefani, nella specialità thai boxe K1 Fight Code (cat. 58 kg).

A causa di una testata fortuita l’incontro è stato sospeso nella seconda ripresa, per via delle profonde ferite al volto di entrambe le atlete (6 punti di sutura all’arcata sopraccigliare per Michieletto). Ai punti la vittoria dell’atleta del Fighting Club Valle d’Aosta è risultata netta. “A parte il taglio sto bene”, ha detto. “Si è trattato di uno scontro del tutto fortuito. Fino a quel momento avevo controllato bene il match. Come si è visto poi dal conteggio dei punti, avevo dominato il primo round. Le avevo preso bene le misure tanto che nel secondo avevo iniziato ancora più forte. Adesso dovrò pazientare alcuni giorni perché si chiuda la ferita proseguendo comunque la preparazione perché a marzo ci sarà un altro appuntamento importante per me”. Sulla stessa lunghezza d’onda il maestro Manuel Bethaz: “Avevamo preparato molto bene questa sfida, in modo da annullare il fattore altezza a favore della Martens. Martine ha saputo contenerla soprattutto grazie ad un pugilato molto efficace. È andata spesso a segno con il suo diretto sinistro, che non le ha lasciato scampo, ed ha messo a segno delle buone azioni anche con le ginocchiate d'incontro. Peccato l'episodio sfortunato della seconda ripresa perché fino a quel momento Martine stava vincendo in modo limpido”.

Sempre ai punti è stata invece sconfitta Erika Vesan nel match di muay thai (cat. 59 kg) da Lucia Cartanzano del Team Galana. “Erika ha combattuto un buon match, anche se la muay thai è la disciplina che predilige meno, anche per quelle che sono le sue caratteristiche fisiche”, ha commentato Bethaz. “Ha tenuto testa ad un'avversaria avvantaggiata dall'altezza sebbene abbia pagato le due proiezioni subite che l'hanno mandata a terra. In termini di punteggio hanno fatto la differenza alla lettura dei cartellini. Sono molto contento di lei, perché questo match serviva da esperienza e soprattutto in preparazione dello slam che dovrà combattere il 10 marzo a Casale Monferrato dove tornerà a tirare di K1”.

Archiviato in: Sport , Home
1031
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche