Editoriale
Un settembre da record per AostaSera.it. Cambia il modo di informarsi dei valdostani
Aosta - 817mila visite, per una media di 27mila lettori al giorno, e oltre 2milioni di pagine viste testimoniano che la trasformazione è piaciuta.

Il mese di settembre si chiude per AostaSera.it con alcuni dati molto significativi. E’ il primo mese completo da quando siamo usciti, il 29 agosto scorso, con il restyling del nostro quotidiano di informazione e siamo certamente fieri di osservare come i numeri ci hanno dato ragione. 817mila visite, per una media di 27mila lettori al giorno, e oltre 2milioni di pagine viste nel solo mese di settembre testimoniano che la trasformazione è piaciuta. Una crescita che è stata certamente sostenuta anche dalla cronaca fatta dalla nostra redazione - in particolare da Massimiliano Riccio, da Orlando Bonserio e dagli amici del Gruppo Matou WebTv - sui due ultra trail, il 4K e il Tor des Géants, che si sono svolti nella prima parte del mese.

Questi numeri ci confortano soprattutto perché dimostrano che i nostri lettori hanno apprezzato la trasformazione. Non sono mancati i problemi che sempre si verificano quando si mette on line una nuova piattaforma: piccoli bug, rallentamenti nel caricamento delle pagine e qualche imperfezione in alcune parti. Ma stiamo lavorando per rendere la navigazione del sito più performante.

La forte crescita di AostaSera.it, però, dimostra anche il cambiamento del modo dei valdostani di informarsi. E se un tempo il canale principale era “La Voix de la Vallée” su cui era rigorosamente sintonizzata la radio di ciascuno di noi, oggi c’è il desiderio di trovare notizie multimediali e in tempo reale non solo sul computer, ma anche su smartphone e tablet. Strumenti che abbiamo in mano 16 ore su 24, calcolando una  media di otto ore di sonno. E aumenta anche la voglia di da parte delle persone di segnalare fatti, di commentare, di interagire su quanto accade nella nostra regione. Non sempre l’interazione è costruttiva, ma anche questo è il bello della democrazia.

Un’ultima annotazione. Abbiamo scelto di non consentire la navigazione agli utenti che hanno installato sul proprio browser “l’ad blocker”, lo strumento che consente a chi naviga su un sito di eliminare i banner pubblicitari. Qualche lettore ha protestato, ma ci teniamo a sottolineare che una testata come la nostra non ha un prezzo di vendita, non ha forme di abbonamento, non ha canone. L’unica entrata economia che abbiamo - e che ci garantisce l’indipendenza - è la pubblicità. L’informazione libera non può esistere senza forme di sostentamento.

596
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche