Al cinema
Prima di domani di Ry Russo Young
Aosta - Tratto da un romanzo di Lauren Oliver, il film punta sul lato dark di una vicenda dove temi come emarginazione, omosessualità, depressione, vengono affrontati arrivando a capire come alcune situazioni possano farci mutare e maturare.

Che cosa racconta
Samantha Kingston è una liceale dalla vita perfetta con un gruppo di amiche cool, il ragazzo (il più desiderato da tutte) e la protagonista dei party. Samantha vive spensierata la sua vita non curante della sua famiglia, dei suoi compagni di classe e atteggiandosi da meschina fino a che una sera la sua vita cambia per sempre ritrovandosi a rivivere lo stesso giorno ininterrottamente.

Come lo racconta
Tratto dal romanzo di Lauren Oliver E finalmente ti dirò addio, il film narra un tema non del tutto nuovo e già visto altre volte come in Ricomincio da capo o Edge of tomorrow ma qui, la regista punta sul lato dark e amaro della vicenda dove temi come emarginazione, omosessualità, depressione, solitudine, suicidio, violenza, amore e bullismo vengono affrontati e mescolati con un susseguirsi di emozioni arrivando a capire come alcune situazioni che si ripetono costantemente possano farci mutare e maturare.

Curiosità
Durante il film il professore parla agli alunni di Sisifo ovvero personaggio della mitologia greca che osò sfidare gli dèi. Zeus quindi decise di punirlo condannandolo a spingere un masso dalla base alla cima di una montagna e ogni volta che raggiungeva la cima, il masso rotolava nuovamente alla base del monte così che Sisifo avrebbe dovuto ricominciare da capo la sua scalata senza fine. Sisifo diventa quindi la chiave di lettura del film.

Perché vederlo
Un film che da dignità al sempre difficile compito della trasposizione da libro a film e dove la riflessione più profonda viene data dal tema del bullismo e del suicidio, facendoci riflettere sempre più sulla fragilità dei ragazzi legata al particolare momento della loro vita che è quello dell'adolescenza. Dai toni amari, un'opera che si ispira alla serie tv Tredici ed al videogioco “Life is strange strizzando l'occhio ai Millenials e seguendo il filone di successo dei dark teen movie. Si rivolge ad un pubblico giovane ma si avvicina anche ad un pubblico più adulto, in particolare al mondo dei genitori con figli teenagers.

Una battuta
S: “coma mai odiamo Juliet? L: ma come mai ti interessa?! fino a ieri dicevi che lei ti faceva schifo! S: quello è stato molto tempo fa, è stato ieri...”

2089
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche