Gioie e motori
Porsche Cayenne "S", il Suv dal DNA sportivo
Aosta - Da sempre, Porsche è sinonimo di sportività, potenza ed eleganza, ed ora si rivisita con la Cayenne "S", terza generazione del fortunato modello: all'insegna dell'innovazione e della tecnologia.

Da sempre, Porsche è sinonimo di sportività, potenza ed eleganza. Anzi, di queste caratteristiche è considerata il prototipo, come dimostra la "911" sempre uguale a se stessa da almeno cinquant'anni e peraltro sempre aggiornata per stare al passo con i tempi e i gusti che cambiano di una clientela affezionata. Con l'avvento dell'era dei Suv, che si sono rapidamente imposti sul mercato, Porsche non poteva che partorirne una sua versione del tutto originale, votata ad un grande successo.

Ecco quindi la Cayenne, divenuta un must. Ed ora la Cayenne "S", terza generazione del fortunato modello. È un Suv a tutti gli effetti: stabilità, tenuta di strada, sicurezza, maneggevolezza sono al top, e c'era da aspettarselo. Ma, fuori dai sentieri arditi, la "S" mette in mostra tutto il suo DNA sportivo, assolutamente compatibile con la trazione integrale. Il motore è un tre litri a sei cilindri biturbo benzina che eroga 440 cavalli e che dichiara una velocità massima di 265 km/h, una coppia di 550 Nm e un'accelerazione da 0 a 100 km/h di soli 5 secondi e due decimi, una performance di tutto rispetto per un Suv di oltre due tonnellate di peso. Potrete immaginare che la guida è elettrizzante e nel contempo perfettamente in controllo, un piacere vero, con il cambio "Tiptronic" a otto rapporti, pronto e duttile, e le novità costituite da ruote posteriori sterzanti, sospensioni pneumatiche, freni con dischi rivestiti in carburo di tungsteno, pneumatici posteriori più larghi e, per finire, il telaio a controllo attivo "PDCC" a gestione elettroidraulica.

Il design esprime forme imponenti. È leggermente più lunga (di sei centimetri) e più bassa (di un centimetro) della progenitrice e queste forme imponenti non solo non risultano grevi, ma vengono "incattivite" dalle nervature del cofano, dai profili laterali, dalla coda alta e dal frontale fortemente caratterizzato dalla griglia inferiore che lo occupa interamente. Anche gli interni sono molto curati e decisamente rivisitati, che consentono una guida comoda e una altrettanto comoda posizione per i passeggeri nel divano posteriore. L'infotainment propone svariate soluzioni, i comandi sono gestiti da un tablet e un display da 12"3 troneggia sulla consolle. Tra gli optional, segnaliamo il sistema di parcheggio autonomo, addirittura con il conducente fuori dall'auto e la visione notturna. Insomma, ancora una volta, la Casa di Weissach ha fatto centro. Prezzi da euro 95.598.

Archiviato in: Gioie e Motori , Media valle
2954
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche