Cronaca
“No” del Tribunale del riesame alla liberazione del muratore arrestato per spaccio ed altri reati
Aosta - L’udienza si è tenuta la scorsa settimana. L’uomo - un 48enne di Saint-Vincent, che è accusato di tentata estorsione ed usura, oltre alla cessione di stupefacente - resta ai domiciliari nella sua abitazione.

Resta ai "domiciliari" nella sua abitazione, ove si trova dallo scorso 17 giugno, quando i Carabinieri della compagnia di Châtillon/Saint-Vincent hanno eseguito l’ordine di arresto del Gip del Tribunale di Aosta, il muratore 48enne della cittadina termale accusato di tentata estorsione, usura e spaccio di stupefacenti, Pasquale Cirelli.

Nell’udienza della scorsa settimana, il Tribunale del Riesame di Torino ha infatti respinto l’istanza depositata dal difensore dell’accusato, l’avvocato Corrado Bellora, contro l’ordinanza che disponeva la misura cautelare, chiesta al Giudice per le Indagini Preliminari dal titolare delle indagini, il procuratore capo facente funzioni Giancarlo Avenati Bassi.

Secondo gli inquirenti, Cirelli avrebbe ceduto cocaina ad una libera professionista della media valle, caduta inspiegabilmente nel vortice dello stupefacente. Non solo, dopo qualche tempo, parallelamente allo spaccio, avrebbe anche iniziato a pretendere da lei del denaro, con tanto di minacce (arrivando a farsi consegnare anche un assegno da 30mila euro).

Comparendo lo scorso 22 giugno dinanzi al Gip Davide Paladino, per l’interrogatorio di garanzia, l’indagato aveva sostenuto di aver vantato dei crediti nei confronti della professionista, a seguito di prestiti personali, e di aver semplicemente cercato di recuperare le somme che gli spettavano.

1756
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche