I lettori di AostaSera
“Manca lungimiranza e buon senso!”
Verrès - Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lettore in merito al collegamento funiviario tra Frachey di Ayas e le Cime Bianche di Valtournenche.

E' desolante che sui giornali e nei convegni si parli solo ed esclusivamente dei “sì” e dei “no” sul collegamento funiviario tra Frachey di Ayas e le Cime Bianche di Valtournenche.

E' evidente che tale opera apporterà in Valle d'Ayas un notevole flusso di sciatori, in inverno, e villeggianti e turisti in estate con un grande incremento di auto, camper, bus sulla strada regionale 45.

Ed è penoso rilevare che, ad oggi, nessuno tra amministratori pubblici e amministratori di Società private (Monterosaski) si sia posto il problema della strada regionale 45 che è rimasta l’unica, in Valle d'Aosta, a non essere allargata se non per un tratto di un chilometro e mezzo a monte del Comune di Verrès.

Nessuno ha rilevato se l'attuale sede stradale sia adeguata a sopportare il sicuro aumento del traffico automobilistico, nessuno si è chiesto come risolvere il transito nei Comuni di Challand-Saint-Victor (Villa), di Challand-Saint-Anselme (Quinçod), di Brusson (Trois Village), di Ayas (Champoluc) che già oggi soffrono per il traffico.

Nessuno ha ponderato se l'attuale casello dell'autostrada di Verrès può sopportare un maggiore traffico automobilistico specialmente nella stagione invernale: già oggi nei week-end sia in inverno che in estate si formano code, sia in entrata che in uscita, in particolare modo alla rotonda con la strada statale.

Sarebbe opportuno che tutti coloro i quali sono favorevoli alla collegamento funiviario si impegnino, prima di tutto, a risolvere il problema dell'allargamento della strada regionale 45.

Ecco perché mi pare che manchi la lungimiranza dei nostri "vecchi".

Assurdo poi pensare che per aprire un collegamento si debbano chiudere gli impianti di Antagnod ad Ayas, di Estoul a Brusson e a Gressoney-Saint-Jean.

Sarebbe un insulto a tutti coloro che hanno lavorato per la costruzione,e lavorano per il mantenimento di tali strutture che sono un traino all'economia locale.

Ci si impegni invece affinché le piste di sci siano usufruibili anche in estate e in autunno con la costruzione di piste per la mountain bike, di percorsi, alle stazioni a monte, per il nordik walking così che gli impianti possano essere aperti non solo nel periodo invernale ma per tutto l'anno così da ammortizzare i costi di gestione. Basta avere buon senso e lungimiranza.

Enzo Bonin - Verrès

 

1636
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche