Cultura
#LesMots2018, la foto più bella è di Noemi Davisod
Aosta - Ieri sera la premiazione del contest fotografico su Instagram dedicato al festival della parola, Les Mots, promosso dall'Assessorato Istruzione e Cultura della Regione Autonoma Valle d'Aosta e organizzato dal quotidiano online AostaSera.it.

E’ di Noemi Davisod, in arte @nemi_combinaguai, la foto vincitrice del contest fotografico su Instagram dedicato al festival della parola, Les Mots, promosso dall'Assessorato Istruzione e Cultura della Regione Autonoma Valle d'Aosta e organizzato dal quotidiano online AostaSera.it.

La premiazione si è svolta ieri, sabato 5 maggio 2018, in piazza Chanoux ad Aosta.  Il suo scatto, scelto tra i 160 “taggati” con la parola magica #LesMots2018 (oltre a 10 video, per un totale di 170 contenuti), secondo la giuria ha saputo “riunire in una composizione equilibrata e visivamente di grande impatto, un’atmosfera intima e raccolta del padiglione illuminato, in una giornata di pioggia”.

Al secondo posto, invece, lo scatto “rubato” di Marco Crétier, che ritrae una bimba nascosta sotto i banconi sui quali sono esposti i libri, assorta nella sua lettura. “In questo senso – spiega la giuria - anche il tema della lungimiranza, nel senso di guardare al futuro con saggezza, è pienamente rispettato”.

Al terzo posto, una sfida tutta in famiglia vinta da Marcel Diémoz, con una foto della giovane compagna intenta a inquadrare un soggetto con un teleobiettivo, immersa tra i libri dedicati proprio alla fotografia. “Una composizione quindi fresca, attuale – ha motivato la giuria – che ben si adatta allo spirito social del contest”.

Oltre a queste, però, la giuria ha ritenuto che ci fossero altre tre fotografie che meritavano comunque una menzione speciale.  Le prime due sono per due scatti in bianco e nero, di Guido Asnaghi, con un vero e proprio omaggio alla fotografia, e di Marco Mercurio, con un bel gioco di parziale desaturazione riesce a porre l’accento sul protagonista assoluto della manifestazione. La terza è per la mascotte di Piazza Chanoux, il gatto nero onnipresente a Les Mots e che guarda caso si chiama proprio “Libro”, accoccolato sulle sedie del padiglione, come una piccola pantera nella sua giungla. Lo scatto, in questo caso, è di Evi Garbolino.

“Siamo soddisfatti di questa prima edizione del contest – ha commentato l’assessore all’Istruzione e Cultura Emily Rini – sul quale abbiamo puntato con “lungimiranza”, seguendo il tema della manifestazione.  Con le sue sfaccettature, tra spettacoli, eventi, attività e ospiti, oltre ovviamente ai libri, Les Mots si è prestato perfettamente a una promozione sul web che abbini le immagini ai contenuti proposti, guardando ad un pubblico di giovanissimi e puntando forte sui social”.

Il video della premiazione

685
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche