Politica
Inchiesta Casinò, l'Uv: "Sequestri preventivi sono intempestivi e lesivi"
Aosta - In una nota il Comité Fédéral ribadisce la bontà delle scelte fatte dai consiglieri regionali. Per l'Uv con i sequestri si ipotizza "elementi di colpevolezza del tutto inesistenti in assenza di qualsivoglia sentenza"

"Gli Amministratori regionali hanno operato per mantenere operativa e aperta la casa da gioco che ancora oggi è un’azienda di ragguardevoli dimensioni ed occupa oltre 600 persone, che insieme all’indotto derivato contribuiscono ad incrementare significativamente il riparto fiscale della Valle d’Aosta". L'Uv torna sull'inchiesta Casinò difendendo i consiglieri ed ex coinvolti e attaccando la Corte dei Conti e i media. 

Il Comité Fédéral del Leone rampante fa presente, in una nota "che non si è ancora aperta la fase processuale e che, pertanto, ogni soggetto coinvolto non è sottoposto ad alcuna condanna" e ricorda come "i provvedimenti contestati riguardano delibere, cioè atti pubblici, assunti e votati in modo chiaro e palese, a seguito di mandati attribuiti dal Consiglio stesso, sulla base di programmi e di piani di sviluppo rivolti esclusivamente a finanziare la casa da gioco".

Avenue des Maquisards ribadisce, quindi, come "le somme investite sono andate a finanziare lavori di messa a norma obbligatoria e di  ristrutturazione di beni immobili di proprietà della Regione, dati in uso al Casinò e che la Regione stessa, in quanto proprietaria, aveva l’obbligo  di mantenerli funzionali", "gli interventi eseguiti sugli immobili hanno contribuito a rivalutarli ed incrementarne notevolmente il valore e che durante tutta la durata dei lavori la Casa da gioco ha continuato ad operare normalmente, senza pregiudizio per le sue entrate" e ancora "tutti gli interventi sono stati documentati con fatturazioni e contabilità verificate da tutti gli organi competenti ai quali erano state affidate le responsabilità degli interventi riguardo ai quali non vi sono contestazioni, e che si sono svolti secondo i piani proposti dagli Amministratori del Casinò della Vallée che aveva la responsabilità dell’esecuzione degli stessi".

L'Uv parte poi all'attacco della Procura della Corte dei Conti giudicando i sequestri preventivi dei beni "intempestivi e lesivi nei confronti delle persone coinvolte, ipotizzando, a priori, elementi di colpevolezza del tutto inesistenti in assenza di qualsivoglia sentenza". Infine il Leone rampante se la prende con i media e la diffusione "continua di notizie e di opinioni fuorvianti che fanno venir meno la possibilità di un equo confronto tra le parti il quale non può che avvenire nelle sedi deputate ad ospitare il dibattimento giudiziale".

Archiviato in: Politica
1181
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche