Sociale
Il Premio regionale per il Volontariato alla Società di San Vincenzo de Paoli
Quart - Assegnati ex aequo quattro riconoscimenti, del valore di 4.000 euro ciascuno.

E' "Il laboratorio del cuore", progetto della Società di San Vincenzo de Paoli - Consiglio centrale di Aosta - onlus, ad aggiudicarsi l'ottava edizione del Premio regionale per il Volontariato, ideato dal Consiglio regionale della Valle d’Aosta con la collaborazione del Csv.

La consegna, nella sede della Fondazione Sistema Ollignan, da parte del Presidente dell'Assemblea, Andrea Rosset, è avvenuta nel pomeriggio di oggi. All'associazione andranno 5mila euro.

"In questi anni, continuando nel sentiero tracciato, questo Premio si è ingrandito ed è permeato nel mondo del volontariato valdostano, così vitale e così prezioso - ha sottolineato il Presidente del Consiglio Valle, Andrea Rosset -. Un sentiero, la cui meta è fare del bene in maniera concreta e che guarda anche lontano per far confluire su di sé il percorso di tante persone, perché la solidarietà, per diventare connaturata nei comportamenti di ognuno di noi, va coltivata con pazienza."

L’iniziativa "Il laboratorio del cuore" è volta a promuovere azioni di accompagnamento delle donne in difficoltà socio-economica, fornendo loro competenze attraverso un corso che rappresenti da un lato un’opportunità di crescita professionale e, nel contempo, la possibilità di interagire all’interno di un gruppo che fa della solidarietà umana strumento di autodeterminazione e integrazione.

In base al nuovo impianto del Premio, sono stati poi assegnati ex aequo quattro riconoscimenti, del valore di 4.000 euro ciascuno. Il primo è andato all'Aido Valle d'Aosta per il progetto "L’infermiere: nuovo protagonista nel percorso di Donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule", finalizzato a qualificare l’attività svolta sul territorio dagli infermieri, privilegiando il rapporto con le Istituzioni scolastiche e con gli operatori sanitari, in un rapporto di sempre maggiore collaborazione con le altre associazioni, al fine di far crescere e rafforzare la cultura della donazione tra la popolazione valdostana.

Il secondo riconoscimento è stato consegnato all'Aspert, all'ASD Ecole du Sport e allo Csen sezione Valle d’Aosta per "La formazione dei volontari per la diffusione del football integrato". Ad aggiudicarsi il terzo riconoscimento è stata l'Avis regionale Valle d'Aosta per “Don de SANG est Don de VIE”, progetto transfrontaliero di cooperazione solidale Valle d’Aosta - Savoie per la promozione del dono di sangue, attraverso un percorso di collaborazione nel settore sociale e del volontariato.

Infine, il quarto riconoscimento è stato attribuito all'associazione Campus Salute onlus per l'iniziativa “Obesità infantile: progetto di prevenzione 3 S (Salute/Sport/Scuola)”.

Archiviato in: Società
1445
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche