Cronaca
Domiciliari Longarini, secondo il gip sarebbe ancora in grado di ostacolare le indagini in corso
Aosta - Nel bocciare la richiesta di revoca dei domiciliari all'ex procuratore capo di Aosta il gip Barbara scrive nell'ordinanza che resta da “chiarire la natura dei rapporti intrattenuti dal magistrato con imprenditori valdostani".

Resta da “chiarire la natura dei rapporti intrattenuti dal magistrato Longarini con imprenditori valdostani portatori di significativi interessi economici nella Valle e non solo”. Questo è quanto scrive il gip di Milano Giusy Barbara nell'ordinanza con la quale ha respinto la richiesta di revoca di arresti domiciliari formulata dalla difesa dell'ex procuratore capo facente funzioni di Aosta Pasquale Longarini.

Decisione presa dal magistrato milanese “alla luce di quanto dichiarato sia dagli indagati nel corso dei rispettivi interrogatori di garanzia che da altre persone informate sui fatti nel frattempo sentite”, prosegue Barbara nell'ordinanza, “anche in forza del ruolo di magistrato inquirente rivestito per oltre venti anni in Val d'Aosta sarebbe in grado di ostacolare le indagini in corso e comunque indurre le persone che i pubblici ministeri vorranno sentire a rendere versioni dei fatti in tutto o in parte non conformi al vero, al fine di agevolarlo e alleggerirne la posizione”.

Archiviato in: Media valle , Cronaca
737
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche