Cronaca
Costi della politica, il Procuratore generale chiede l'annullamento della sentenza d'appello
Aosta - Sulla richiesta devono pronunciarsi, con decisione attesa in serata, i giudici della Sesta sezione della Corte di Cassazione. Alla base della richiesta, il fatto che nel processo di secondo grado non sarebbero stati risentiti, in aula, i testimoni.

Nell'ambito del processo torinese di secondo grado sui “costi della politica” non sarebbero stati risentiti, in aula, i testimoni. Sulla base di tale vizio procedurale (tecnicamente, l'assenza di “rinnovazione”), nell'udienza in corso a Roma oggi, giovedì 29 marzo, il procuratore generale della Corte di cassazione Alfredo Viola ha avanzato la richiesta di annullare, con rinvio, la sentenza d'appello sulla vicenda che ha interessato quindici consiglieri regionali valdostani, ex ed in carica.

Su tale istanza dovranno pronunciarsi, con un verdetto che è atteso in serata, i giudici della sesta sezione della Suprema corte. Sulla “rimborsopoli” del Consiglio Valle, le sentenze dei primi due gradi di giudizio avevano mostrato segni opposti. Al Tribunale di Aosta, dove l'inchiesta sui fondi ai gruppi era partita, tutti e ventisette gli imputati - chiamati a rispondere di reati che includevano il peculato, il finanziamento illecito dei partiti e l'indebita percezione di contributi pubblici – erano stati assolti.

A Torino, la Corte d'appello si era invece espressa per un ribaltamento parziale del grado precedente, pronunciando quindici condanne, di entità variabile tra i quattro mesi e i due anni e quattro mesi.

Archiviato in: Media valle , Cronaca
1288
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche