Politica
Area Civica-Sa-Pnv rispediscono le critiche all'ex maggioranza: "Ereditata situazione debole"
Aosta - “Lo stupore dei gruppi consiliari di minoranza avrebbe dovuto arrivare tempo fa, quando mancava una solida presenza negoziale a Roma e anche in occasione del mancato accordo con lo Stato, che ha prodotto il Decreto che ci sottrae 144 milioni".

“Lo stupore dei gruppi consiliari di minoranza avrebbe dovuto arrivare tempo fa, quando mancava una solida presenza negoziale a Roma e anche in occasione del mancato accordo a fine febbraio 2017 con lo Stato, che ha prodotto poi il Decreto che ci sottrae 144 milioni di euro

A rispondere – sempre via nota stampa – alla minoranza in Consiglio Valle formata da Uv, Pd e M5s sono stati i consiglieri del gruppo Area civica-Stella Alpina-Pour Notre Vallée: “Il Governo regionale nato il 10 marzo scorso – scrivono dopo la criticata audizione del Presidente Marquis e dell'assessore Chatrian di oggi in II^ Commissione – ha ereditato una situazione di rapporti deboli e frammentati con lo Stato nonché un mancato negoziato di primavera” e, aggiungono “ha quindi cercato di porvi rimedio con un ricorso alla Corte costituzionale e con un lavoro di ricostruzione di relazioni con lo Stato che ci auguriamo sia sostenuto anche dai gruppi di minoranza nell’interesse della Valle d’Aosta e della fase attuale di preparazione della legge di bilancio”.

Archiviato in: Media valle , Brevi , Politica
6071
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche