Montagna e dintorni
A Valpelline con l’orienteering sulle tracce dell’Abbé Henry
Le guide naturalistiche di Percorsi Alpini propongono un percorso da scoprire con l’orienteering, una displica sportiva, molto praticata nel nord Europa, dove l’uso di una bussola e la lettura del terreno diventano fondamentali.

Questa volta non vi descriveremo un percorso da seguire, non vi diremo quale sentiero fare, ma vi daremo gli strumenti per poterlo scoprire da soli, orientandovi con l’aiuto di una carta e della vostra capacità di lettura del territorio! Nell’ambito del progetto SlowAlp, nato per riappropriarsi della montagna attraverso l’accoglimento della cultura, della lentezza e della riflessione, è stata realizzata una cartina di orienteering sportivo-culturale del territorio di Valpelline denominata “Orienteering sur les lieux de l’Abbé Henry: parcours de la foi et des eaux”. L’itinerario è segnalato con targhe in acciaio sulle quali, oltre alle classiche “lanterne” dell’orienteering, sono presenti dei testi tratti dal diario dell’Abbé Henry grazie ai quali la passeggiata permette anche di acquisire informazioni sulla storia della località. Il progetto vuole promuovere la Valpelline come polo regionale di questo sport. Esatto, perché l’orienteering è a tutti gli effetti una displica sportiva, molto seguita e praticata nei paesi del nord Europa da cui  ha origine, essendoci un territorio idoneo ricco di boschi e bassi rilievi, dove l’uso di una bussola e la lettura del terreno diventano fondamentali per non perdersi! Chi partecipa ad una prova di Orientamento, utilizza una carta topografica realizzata appositamente per questo Sport, con segni convenzionali unificati in tutto il mondo. Si gareggia individualmente o in squadra, transitando dai diversi punti di controllo posti sul territorio. Raggiunto il punto di controllo si deve registrare il passaggio sul proprio testimone di gara. Vince chi impiega il tempo minore; ma attenzione: in questo Sport non vince sempre il più veloce, ma chi è in grado di orientarsi più rapidamente e di fare le migliori scelte di percorso. Nel nostro caso non vogliamo proporre una gara contro il tempo, ma una buona scusa per uscire insieme a tutta la famiglia, per trascorrere una giornata piacevole all’aria aperta divertendosi in modo nuovo e insolito. Sulla carta sono individuati due itinerari ad anello di diversa lunghezza. I percorsi consentono di visitare Valpelline collegando le diverse frazioni del paese, valorizzando i punti di interesse culturale, naturalistico, enogastronomico ed anche legati alla produzione di energia idroelettrica. Lo scopo è di partire dal punto 1, posto davanti alla chiesa Parrocchiale di Valpelline, e di seguire in successione tutti gli altri punti scegliendo la via più breve, leggendo la cartina e il territorio. Come vedrete sarà molto facile e basterà seguire le vie o i sentieri principali, ma sarà una buona scusa per mettere alla prova la nostra capacità di orientamento. In questa stagione, in cui la neve non ha ancora ricoperto completamente le nostre montagne, si consiglia di percorrere questo circuito nelle ore centrali della giornata, quando il sole riscalda e illumina questo angolo nascosto della Valle d’Aosta.

 

Cartina di Orienteering scaricabile:

Dislivello: 200 m circa

Quota di partenza: 950 m

Orario consigliato: 11h00 – 15h00

Tempo di percorrenza: 2h30 circa per il percorso lungo

Date previste:  Sabato 17 Dicembre accompagnati da un Tecnico federale di 1° livello, o tutti giorni per gruppi di  minimo 6 persone

Info:

344 293 4602  /  344 293 4564

www.percorsialpini.com; info@percorsialpini.com

 

Archiviato in: Montagna e dintorni
2491
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche