Politica

La diga di Valgrisenche resterà operativa fino alla fine del 2010

Valgrisenche - Lo stato di emergenza per la messa in sicurezza della diga di Valgrisenche proseguirà fino alla fine dell’anno. E l’invaso di Beauregard resterà dunque operativo fino al 31 dicembre 2010.

La diga del Beauregard

Lo stato di emergenza per la messa in sicurezza della diga di Valgrisenche proseguirà fino alla fine dell'anno. E l'invaso di Beauregard resterà dunque operativo fino al 31 dicembre 2010

"Il provvedimento è necessario - ha dichiarato oggi, mercoledì 13 gennaio, il presidente Augusto Rollandin durante il Consiglio regionale - per il definitivo rientro nell'ordinario della situazione, sulla base di specifici interventi da sottoporre al parere tecnico della IV Sezione del Consiglio superiore dei lavori pubblici. La Presidenza della Regione ha espresso la propria intesa sul punto, a conferma dell'attenzione condivisa in merito all'obiettivo della messa in piena sicurezza della diga, la cui esistenza, e quindi il prosieguo del suo esercizio, è fondamentale anche per la funzione di laminazione delle piene."

Si tratta di un invaso da 70 milioni di metri cubi d'acqua costruito negli anni Cinquanta, ma che oggi contiene meno di un decimo della propria capacità. Sulla diga pesa una frana e uno spostamento del versante della montagna che è nell'ordine di pochi millimetri all'anno. Una situazione che aveva portato ad uno svuotamento iniziato il 29 marzo del 2005. Da allora si sono succeduti soprallughi e analisi per decidere sul da farsi. Ed è iniziata anche una lunga discussione fra la Regione e il Registro italiano dighe, più orientato verso la chiusura.

di Domenico Albiero

13/01/2010








Testafochi, la cerimonia di cessione della Caserma

Il 24 luglio 2014 è la data in cui gli alpini lasciano l'edificio militare, storica sede del Battaglione Aosta. Lo stesso giorno è stata inaugurato l'eliporto di Pollein.

#celtica2014: tutta l'energia dei concerti nel cuore pulsante del Festival

I concerti sotto il grande palco tra muri di musica, l'inno delle nazioni celtiche Greenland, il selfie di massa, i colori, l'energia, il grande pubblico, la forza del popolo celtico che si riunisce del bosco del Peuterey, in Val Veny, a Courmayeur.

Il popolo di Celtica torna a popolare il Bosco del Peuterey - Ph. Laura Greco

E' un popolo forte, sincero,appassionato, bello ed energico quelle che abita in questi giorni i boschi ai piedi del Monte Bianco. Un popolo che ama la musica, i giochi, la lotta, le prove di forza e soprattutto stare insieme.

Città Tempo Min Max Vento
Aosta nuvoloso piovaschi 17° 29° Vento di Grecale, debole
Courmayeur molto nuvoloso pioggia moderata 14° 21° Vento di Tramontana, moderato
Pont-Saint-Martin nuvoloso piovaschi 20° 29° Vento di Mezzogiorno, debole
Saint-Vincent nuvoloso 19° 28° Vento di Mezzogiorno, debole
Chaima per la tua pubblicità

Il giornale

La redazione
Contatti

P.iva 01022690075